Vinci un iPod con Geekissimo

J f, 2007

gek_ipodGeekissimo, mette in palio un iPod Shuffle, che sarà vinto a sorte fra i partecipanti al contest.

Se già avete altri tipi di iPod, questo così piccolino vi potrà sempre fare comodo, quindi partecipate numerosi!

Avete tempo fino al 3 giugno comunque, poi l’estrazione.

Annunci

Tanti Auguri a me!

J f, 2007

Tanti auguri a me! …e oggi sono 17! 😀


MySpace è il sito su cui l’utenza rimane di più

J f, 2007

MySpace risulta essere il sito sul quale l’utenza statunitense passa la maggior parte del proprio tempo. Il dato di per sè non stupisce: MySpace è una comunità su cui gli utenti immettono pensieri, immagini, video, musica e collegamenti ad altri utenti perpetrando la catena e trattenendo il visitatore. Il valore del tempo passato sul sito, però, è di una certa rilevanza: ben l’11.9% del tempo online passato su MySpace è qualcosa di decisamente importante, soprattutto se il dato è confrontato con il risicato 2.1% di Google (al quinto posto nella classifica relativa).

Il ranking prodotto dalla ricerca Compete Attention elenca i 200 siti su cui l’utenza si ferma maggiormente. Questa la top 10:

  1. myspace.com (11.9%)
  2. yahoo.com (8.5%)
  3. msn.com (3.7%)
  4. ebay.com (3.7%)
  5. google.com (2.1%)
  6. aol.com (1.7%)
  7. pogo.com (1.6%)
  8. facebook.com (0.97%)
  9. amazon.com (0.67%)
  10. craigslist.com (0.64%)

YouTube è in 12esima piazza (0.56%), il sito CNN in 27esima (0.20%) e Bebo è in 36esima posizione (0.15%). Un dato parallelo interessante giunge da una seconda ricerca Compete di pochi giorni prima: Google e YouTube assommano oltre il 50% di tutto l’intero mercato dei video online mentre MySpace si ferma poco al di sotto del 20%. Il settore risulta polarizzato su pochi grandi gruppi ed il numero dei video visionati negli USA nel solo mese di Dicembre è stato di circa 58 milioni.

[By webnews.html.it]


P2P: scaricare senza scopo di lucro non è reato

J f, 2007

La cassazione con sentenza n. 149 del 9 gennaio 2007 ha assolto due giovani accusati di pirateria informatica per avere scaricato attraverso software p2p film e musica, sicuramente una sentenza destinata a fare scalpore nei prossimi giorni.

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso presentato da due studenti torinesi, condannati in appello ad una pena detentiva, sostituita da un’ammenda, per avere “duplicato abusivamente e distribuito” programmi, giochi per playstation e film, redistribuendoli successivamente attraverso un server FTP “privato”

L’interpretazione della Corte, che del resto non fa che attenersi alla lettura (senza interpretazione) delle norme in vigore, si muove d’altronde sulla linea di molte altre sentenze che, soprattutto in Europa, hanno recentemente dato dei duri colpi alle interpretazioni più restrittive promosse dalle associazioni dei discografici e delle majors cinematografiche.

Per la Cassazione “deve essere escluso, nel caso in esame, che la condotta degli autori della violazione sia stata determinata da fini di lucro, emergendo dall’accertamento di merito che gli imputati non avevano tratto alcun vantaggio economico dalla predisposizione del server Ftp”.

Per “fine di lucro”, infatti, “deve intendersi un fine di guadagno economicamente apprezzabile o di incremento patrimoniale da parte dell’autore del fatto, che non può identificarsi con un qualsiasi vantaggio di genere; né l’incremento patrimoniale può identificarsi con il mero risparmio di spesa derivante dall’uso di copie non autorizzate di programmi o altre opere dell’ingegno, al di fuori dello svolgimento di un’attività economica da parte dell’autore del fatto, anche se di diversa natura, che connoti l’abuso”.

Di fatto, i due studenti, avvalendosi di un computer in funzione presso l’associazione studentesca del Politecnico di Torino, avevano creato, gestito e curato la manutenzione di un archivio on line di dati e programmi, raggiungibile da un normale indirizzo ip, dal quale una “community” di utenti era libera di attingere in cambio, a sua volta, del rilascio di altro materiale, senza dover quindi pagare alcuna somma in denaro.

Sicuramente una sentenza rivoluzionaria per l’utenza Internet italiana.

[By DownloadBlog]


iPhone, il telefono marchiato Apple

J f, 2007

Ora è ufficiale. Steve Jobs, CEO dell’Apple, al MacWorld Expo ha ufficializzato l’uscita del loro nuovo gadget tecnologico: si tratta del tanto sognato iPhone. Si tratta di una sintesi di tre prodotti: un iPod widescreen con schermo sensibile al tocco, uno smartphone multimediale con fotocamera, e un Internet communicator. Il tutto in 135 grammi di peso e 11,6 millimetri di spessore.

In perfetto stile Apple, l’iPhone integra parecchie funzionalità particolari, che lo rendono ancora più prezioso.

  • Riesce a regolare l’intensità dello schermo LCD in base alla luce ambientale.
  • Blocca il touch screen quando lo si appoggia all’orecchio.
  • Il touch screen è sensibile alla pressione di più punti in contemporanea.
  • Suppora il GSM e l’EDGE (per l’UMTS dovremo aspettare la prossima versione)
  • Fotocamera da 2 Mega Pixel
  • Riproduce audio e video a schermo pieno
  • Un sensore di movimento permette l’utilizzo sia in verticale (come un telefono) sia in orizzontale, completamente automatico.

Tutto l’apparecchio sarà governato da un mini OSX, ma pienamente multitasking, che riuscirà a far girare le classiche applicazioni, quali l’agenda, il browser, iTunes.

Questo concentrato di tecnologia uscirà a giugno negli Stati Uniti. In Europa il lancio è previsto per l’autunno e per l’Asia si dovrà attendere fino al 2008. Per il momento sono previste due versioni: quella a 4GB di memoria, venduta a 499 dollari, e quella a 8GB venduta a 599 dollari.

Caratteristiche tecniche

  • Dimensione Dysplay 3.5 pollici (8.9mm di diagonale)
  • Metodo Input Multi-touch (più punti sensibili)
  • Capacità Memoria 4GB o 8GB
  • Dimensioni iPhone 115 x 61 x 11.6mm
  • Peso 135 grammi
  • Sistema operativo iPhone OS X
  • Risoluzione schermo iPhone 320 x 480 a 160 ppi
  • Camera 2.0 megapixels
  • GSM Quadri band
  • Dati Wireless Wi-Fi (802.11b/g) + EDGE + Bluetooth 2.0
  • Costo iPhone 499$ (4 GB) – 599,00$ (8 GB)
  • Vendita iPhone Giugno 2007 (America) – Autunno 2007 (Europa) – 2008 (Asia)

Questo video mostra le potenzialità dell’interfaccia grafica di iPhone.

[By Dynamick]


L’origine del logo della Pixar

J f, 2006

Se siete curiosi di conoscere l’origine del logo della Pixar (la famosa lampada da tavolo saltellante che poi diventa una “I” nella scritta “Pixar”), date un’occhiata al corto del 1986 “Luxo Jr“. Pensate, fu il primo prodotto realizzato dalla Pixar alla nascita dello studio: era il lontano 1986 ma guardate che bella grafica 3D. Su Wikipedia trovate alcune informazioni interessanti.
Il video era anche disponibile su DailyMotion e su Youtube, ma è stato rimosso per evidenti motivi di violazione del copyright.
In compenso ne ho trovato un’altro sempre della Pixar ma di qualità nettamente inferiore: Luxo Jr. Gets a Buzz.

[By LevySoft]


Natale a Cortina!

J f, 2006

Domani mattina partirò per Cortina d’Ampezzo!
Passerò il Natale e il Capodanno là! Dubito di riuscire ad aggiornare il blog quindi ci vediamo nel 2007!